Graduatorie dei docenti truccate a pagamento: insegnante in manette

È stato arrestato dalla Guardia di Finanza di Napoli con l’accusa di truffa e corruzione l’insegnante del Napoletano che, falsificando le graduatorie provinciali del ministero dell’Istruzione dietro compenso, ha favorito l’assunzione di 100 docenti e assistenti amministrativi. 
I militari del Comando Provinciale di Napoli hanno eseguito stamani, su delega della locale Procura della Repubblica, il suo arresto. L’insegnante prestava in servizio in una scuola primaria della provincia di Napoli e perpetrava la truffa – insieme a un dipendente dell’Ufficio Scolastico Provinciale del capoluogo partenopeo – accedendo abusivamente al sistema informatico del Ministero dell’Istruzione.
Cinquecentomila euro l’importo degli stipendi indebitamente erogati negli anni dal 2005 al 2009.

da ilmattino.it

3 Comments

  • Mary79 4 aprile 2012 at 20:50 -

    Ai lavori forzati a vita!

  • DOTT. DOMENICO PROF. MANCINI 4 aprile 2012 at 21:49 -

    E FARE DEI CONTROLLI ANCHE PRESSO IL PROVVEDITORATO AGLI STUDI DI TORINO? ED ISTITUTI SCOLASTICI DEL COMPRENSORIO DI TORINO E NON SOLO! CHE NE DITE GENTILISSIMI FINANZIERI. GRAZIE DOTT. DOMENICO PROF. MANCINI DI TORINO

  • maria 5 aprile 2012 at 13:27 -

    sono sette anni che cerco di far venire a gala anche dirigenti del
    MIUR di Napoli, insegnanti e anche sindacalisti,segretarie di
    istituti superiori che per favorire figli e nuore,hanno gonfiato
    i punteggi,hanno nel 2001/2002 e ancora oggi dato il lavoro di
    esaminare le domande e attribuire i punteggi a personale inesperto,
    incaricati annuali che oggi ci sono e domani no, non hanno mai
    costituito commissioni fatte come previsto dalla normativa e quindi
    come dicevo i punteggi sono stati dati a testa di cavolo ed ancora
    oggi uno come me si trova a combattere con ricorso al Consiglio di
    Stato,perchè il suo punteggio è stato valutato in maniera erronea.
    BASTA !!!!!!SPERIAMO CHE CI SIA GIUSTIZIA