Mobilità e chiamata diretta, la Fedeli convoca i sindacati. Restano fuori dalle trattative Tfa e assunzioni

507

perfezionamento3Deroga alla mobilità, rinnovo del contratto e chiamata diretta, si accelera. Il ministro Fedeli ha riconvocato i sindacati, questa volta tutte le organizzazioni rappresentative, pe ril giorno 22 dicembre. Un incontro prodromico a una decisione che non è più rinviabile. I tempi, infatti, sono strettissimi e i dossier che si stanno accumulando sulla scrivania del ministro sempre più numerosi. La Fedeli, quindi, secondo indiscrezioni, avrebbe intenzione di chiudere almeno questa prima tranche di trattative, per poi affrontare, nelle prossime settimane, i problemi legati alle nove deleghe previste dalla legge 107 che sono ancora in bilico.

universitc3a02La convocazione è stata giudicata positivamente dalla Cisl. “Riteniamo un buon segnale – ha detto il segretario generale Maddalena Gissi – la tempestività con cui la riunione è stata indetta, siamo convinti che debba servire a delineare in modo più puntuale priorità e obiettivi su cui proseguire il confronto, per portarlo a esiti concreti e positivi. Anzitutto sulla mobilità del personale, dove ci sono le condizioni per sbloccare la trattativa e portarla a conclusione in tempi brevi, definendo un quadro di regole certe a garanzia della trasparenza e della correttezza delle procedure, evitando gli errori e i pasticci dell’anno scorso”.

Silenzio da parte degli altri sindacati, molti dei quali valutando con attenzione, quando non sono addirittura perplessi, le prime mosse della titolare del Miur. Restano, infatti, fuori da ogni trattativa argomenti quali l’aumento dell’organico, anche del personale Ata, e terzo ciclo Tfa. problematiche che, per molti, non possono essere lasciate senza risposta.

perfezionamenti

In questo articolo
Inline
Orizzonte Docenti
Inline
Orizzonte Docenti