Chiamata diretta, quando e cosa deve fare il titolare di ambito per assegnazione incarico triennale

714

certificazione-inglese1Il Miur, con la circolare n. 28578 del 27-06-2017, ha fornito indicazioni sulle operazioni di avvio dell’anno scolastico 2017/18: chiamata diretta, utilizzazioni e assegnazioni provvisorie, immissioni in ruolo.

Abbiamo parlato della tempistica e della procedura relative alla chiamata diretta in “Chiamata diretta: candidature infanzia, primaria e medie 3-7 luglio, II ciclo 20-22 luglio. Tutta la tempistica per docenti e scuole“.

Illustriamo, in questa scheda, tutto quello che devono fare i docenti titolari di ambito per l’attribuzione dell’incarico triennale in una scuola del medesimo, ricordando che la procedura andrà seguita anche dai neo immessi in ruolo dopo le relative operazioni di master e perfezionamenti biennaliassunzione e che i docenti beneficiari delle precedenze, previste dall’art. 13 del CCNI sulla mobilità a.s. 2017/18, saranno assegnati alle scuole direttamente dall’USR competente, prima delle operazioni di competenza del dirigente scolastico.

Evidenziamo che tutte le date di seguito indicate riguardano i docenti di ruolo.

INSERIMENTO REQUISITI, CV E SCUOLA DI PARTENZA SU ISTANZE ONLINE

I docenti trasferiti su ambito devono innanzitutto inserire i requisiti in loro possesso, il CV e la scuola di partenza su Istanze OnLine, tramite la funzione “Passaggio da Ambito a Scuola”.

università telematica ecampusI docenti della scuola dell’infanzia, primaria e secondaria di I grado devono procedere alla suddetta operazione di inserimento tra il 3 e il 7 luglio 2017.

I docenti della scuola secondaria, invece, devono procedere all’inserimento dei succitati dati tra il 20 e il 22 luglio 2017.

I requisiti da inserire, indicati nell’allegato A al CCNI sul passaggio da ambito a scuola dell’11 aprile 2017, sono distinti in titoli ed esperienze professionali:

Titoli

1. Ulteriori titoli di studio coerenti con le competenze professionali specifiche richieste, di livello almeno pari a quello previsto per l’accesso all’insegnamento
2. Ulteriore abilitazione all’insegnamento
3. Possesso della specializzazione sul sostegno (non per i posti sul sostegno)
4. Dottorato di ricerca coerente con le competenze professionali specifiche richieste
5. Specializzazione in italiano L2, di cui all’art. 2 del D.M. 92/2016
6. Certificazioni linguistiche pari almeno al livello B2, rilasciate dagli Enti ricompresi nell’elenco di cui al D.M. 2 marzo 2012, n. 3889
7. Master universitari di I^ e II^ livello (specificare le competenze in uscita coerenti con le competenze professionali specifiche richieste)
8. Pubblicazioni su tematiche coerenti con le competenze richieste

Esperienze professionali

1. Insegnamento con metodologia CLIL
2. Esperienza di insegnamento all’esteroCorsi di Perfezionamento 2017-2018
3. Partecipazione a progetti di scambio con l’estero e/o a programmi comunitari
4. Esperienza in progetti di innovazione didattica e/o didattica multimediale
5. Esperienza in progetti e in attività di insegnamento relativamente a percorsi di integrazione/inclusione
6. Tutor per alternanza scuola/lavoro
7. Animatore digitale
8. Attività di tutor anno di prova
9. Referente/coordinatore orientamento e/o valutazione
10. Referente per progetti in rete con altre scuole o con istituzioni esterne

I docenti inseriscono, scegliendo tra quelli sopra riportati, titoli ed esperienze in loro possesso.

I docenti, sempre tramite la succitata funzione, inseriscono il proprio curriculum vitae, che deve essere in formato PDF e di dimensioni non superiori a ad 1 Mb, e indicano la scuola di partenza.

L’indicazione della scuola di partenza va effettuata in quanto il docente, nel caso in cui non riceva o non accetti alcuna proposta di incarico, verrà assegnato ad una scuola dell’ambito, da parte dell”USR, partendo proprio da quella indicata su Istanze Online (cioè si inizierà a cercare un posto disponibile dalla scuola indicata dal docente e poi si procederà per viciniorietà).

CANDIDATURA

L’operazione di inserimento dei requisiti, del CV e della scuola di partenza è propedeutica alla candidatura in una o più scuole dell’ambito, che hanno pubblicato avvisi relativi allo stesso posto/classe di concorso del docente.

Effettuata, dunque, l’operazione di cui sopra il docente può presentare la propria candidatura in una o più scuole dell’ambito, anche in assenza dei requisiti previsti dall’avviso pubblicato da ciascuna scuola.

La candidatura va inviata agli indirizzi e-mail istituzionali indicati negli avvisi delle istituzioni scolastiche, fornendo, oltre alla propria disponibilità, i propri recapiti.

La candidatura va inviata secondo i termini previsti negli avvisi, che non possono comunque essere differenti da quelli sopra indicati per l’inserimento dei requisiti, del CV e della scuola di partenza, considerato che, dall’8 luglio per il primo ciclo e dal 24 luglio per il secondo ciclo, i dirigenti devono procedere a formulare le proposte di incarico.

RICEZIONE E ACCETTAZIONE PROPOSTA INCARICO

Presentata la candidatura, i docenti interessati devono attendere l’eventuale proposta di incarico formulata dal dirigente scolastico della scuola cui si sono proposti.

I docenti potranno ricevere la proposta di incarico:

tra l’8 e il 15 luglio 2017 – docenti della scuola dell’infanzia, primaria e secondaria di I grado;

tra il 24 e il 29 luglio 2017– docenti della scuola secondaria di II grado.

DOCENTI CHE NON RICEVONO O ON ACCETTANO ALCUNA PROPOSTA DI INCARICO

I docenti, che non ricevono o non accettano alcuna proposta di incarico, devono attendere l’assegnazione ad una delle sedi dell’ambito, da parte dell’USR competenze.

L’assegnazione alle sedi residue avverrà secondo il seguente ordine di priorità:

1) docenti già di ruolo provenienti dalle operazioni di mobilità:

– primo ciclo dal 17 al 20 luglio;

– secondo ciclo dal 31 luglio-1°agosto, compresi i docenti titolari di ambito non in soprannumero che non abbiano partecipato al movimento;

2) docenti immessi in ruolo da graduatorie di merito concorsuali;

3) docenti immessi in ruolo dalle graduatorie ad esaurimento.

Per ciascuna categoria di docenti summenzionata, l’assegnazione avviene in base la punteggio dei relativi elenchi e graduatorie (docenti già di ruolo: punteggio mobilità; docenti immessi in ruolo da GM: punteggio in graduatoria di merito; docenti immessi in ruolo da GaE: punteggio graduatoria ad esaurimento), iniziando dalla scuola di partenza indicata su Istanze Online (vedi sopra). Qualora il docente non abbia indicato la scuola di partenza, l”USR  procederà dalla scuola capofila di ambito indicata nei bollettini di mobilità di ciascun ordine di scuola.

circolare

Fontehttp://www.orizzontescuola.it/chiamata-diretta-cosa-deve-titolare-ambito-assegnazione-incarico-triennale/

banner-certificazione-inform-new

In questo articolo
Inline
Orizzonte Docenti
Inline
Orizzonte Docenti