Mobilità, illegittimo il limite dei posti: i trasferimenti hanno la priorità sulle assunzioni

255

24 cfu per concorso insegnantiQuando si parla di mobilità del personale scolastico, sappiamo che a regolare le operazioni è una contrattazione collettiva specifica, che indica le modalità e i termini dei trasferimenti.

Arriva però dal Tribunale di Lanciano una sentenza piuttosto innovativa, che potrebbe anche fare giurisprudenza.

LA VICENDA

Infatti, come riporta DirittoScolastico.it, il caso nasceva dalla domanda di una educatrice assunta a tempo indeterminato come istitutrice nei convitti scolastici che in possesso di abilitazione aveva insegnato per svariati anni una disciplina tecnica nell’istituto alberghiero, la cui graduatoria era da tempo esaurita.

L’educatrice aveva richiesto- come espressamente previsto dall’art. 3 del CCNI sulla mobilità del comparto scuola – il passaggio di ruolo per tale profilo, essendosi liberato un posto per tale disciplina.università telematica ecampus

Tuttavia, la sua domanda non è stata accettata, nonostante il posto fosse rimasto libero e disponibile a causa della disposizione del CCNI sulla mobilità 2016, che sanciva che  i passaggi di ruolo vengono effettuati “sulla metà del 50% delle disponibilità destinate alla mobilità territoriale provinciale”.

 

IL PARADOSSO DEL CONTRATTO DI MOBILITA’

In parole povere, il passaggio di ruolo sarebbe stato possibile solo in presenza di ben 4 posti vacanti (la metà del 50% delle disponibilità), circostanza praticamente impossibile, data la natura della materia e l’esiguità del numero delle cattedre nella provincia.
Di conseguenza ecco servito il paradosso: una cattedra vacante e disponibile per diversi anni che non può essere assegnata all’unica aspirante a causa del CCNI  che consentiva la mobilità professionale solo sul 25% delle disponibilità.Metodologie didattiche per una Buona Scuola

 

LA SENTENZA

Ed è qui che la sentenza del giudice di Lanciano interviene, evidenziando la disposizione  contenuta nell’art. 470 del D. Lgs. n. 297/1994 (c.d. “Testo Unico della Scuola), che- proprio in relazione alla mobilità professionale – prevede: “specifici accordi contrattuali tra le organizzazioni sindacali ed il Ministero della pubblica istruzione definiscono tempi e modalità per il conseguimento dell’equiparazione tra mobilità professionale (passaggi di cattedra e di ruolo) e di quella territoriale, nonché per la ripartizione tra posti riservati alle immissioni in ruolo, in modo che queste ultime siano effettuate sui posti residui che rimangono vacanti e disponibili dopo il completamento delle operazioni relative alla mobilità professionale e territoriale in ciascun anno scolastico”.

Pertanto, il giudice ha constatato che, posta la validità delle regole del CCNI mobilità, la disposizione in esame fissa dei limiti invalicabili, quali appunto “quello relativo al rapporto tra immissioni in ruolo e mobilità anche professionale stabilendo che alle immissioni in ruolo siano riservati sempre e comunque i posti di risulta, dando priorità nella scelta ai docenti già in ruolo che vogliano spostarsi”.

Fontehttps://www.tecnicadellascuola.it/mobilita-illegittimo-il-limite-dei-posti-trasferimenti-hanno-la-priorita-sulle-assunzioni

dattilografia_th

In questo articolo
Inline
Orizzonte Docenti
Inline
Orizzonte Docenti