Passaggio di cattedra e di ruolo: requisiti, differenze e anno di prova

104

Corsi di perfezionamentoUn esempio concreto di passaggio di ruolo e di cattedra per capire come muoversi nella domanda di mobilità.

L’anno di prova e formazione non va ripetuto in caso di ritorno al ruolo precedente

Un docente ci scrive

1) a.s. 2007/2008 immissione in ruolo II grado classe di concorso A049. 2) a.s. 2011/2012 passaggio di ruolo interprovinciale  (dettato dalla necessità di rientrare in provincia) I grado classe di concorso A059. 3) a.s. 2018/2019 (quello attuale) passaggio di ruolo II grado cl. di concorso A027. Avendo già svolto anno di prova e formazione nel 2007 non sono tenuto a ripeterlo. Chiedo: in occasione della prossima mobilità  (2019/2020) potrei chiedere passaggio di cattedra per la A026 avendo già svolto e superato anno di prova e formazione  (requisito essenziale per poter chiedere nuovamente mobilità professionale)

Passaggio di cattedra e passaggio di ruolo – differenze

  •   Il passaggio di cattedra permette al docente in possesso della specifica abilitazione alla classe di concorso richiesta di essere trasferito da una classe di concorso ad un’altra, all’interno dello stesso ordine di scuola (es. passaggio dalla A018 alla A019 scuola di II grado oppure dalla A11 alla A12).
  • Il passaggio di ruolo, invece, permette al docente in possesso della specifica abilitazione per il passaggio al ruolo richiesto di essere trasferito da una classe di concorso ad un’altra, di diverso ordine di scuola (es. passaggio dalla A22, scuola di I grado, alla A11, scuola di II grado oppure dalla primaria all’infanzia e viceversa).

Anno di prova e formazione solo per chi ottiene il passaggio di ruolo

  • Chi ottiene il passaggio di ruolo, dovrà, secondo le indicazioni ministeriali (vedi es. circolare ministeriale Prot. N.36167 del 5/11/2015) effettuare la prova (i 180 giorni di servizio e 120 gg. di attività didattica) ma anche la formazione con tutto ciò che essa comporta. Come se fosse un neoassunto in ruolo.
  •   Chi ottiene il solo passaggio di cattedra, invece, che non implica quindi il passaggio in ruolo, non è tenuto ad effettuare nulla, né formazione ma neanche la prova dei 180 giorni di servizio e/o i 120 gg di attività didattica. Questo perché il docente è rimasto nel proprio ruolo di appartenenza.

Rientro in un ruolo precedente

La ripetizione del periodo di prova e formazione non è valida quando il passaggio di ruolo determina il “ritorno” ad un ruolo precedente nel quale il docente ha già avuto la conferma in ruolo.

 Es. il docente che è stato titolare nell’infanzia, nel corso degli anni ottiene il passaggio di ruolo nella primaria e quest’anno ha ottenuto passaggio di ruolo nell’infanzia ritornando di fatto nel suo ruolo precedente. E in tutti gli altri casi in cui si è già svolto lanno di prova e formazione e si ottiene nuovamente (attraverso un passaggio o una nuova immissione in ruolo) in un grado di scuola in cui già si è avuta la conferma in ruolo

Pertanto, dal momento che l’anno di prova e di formazione si svolge una sola volta in un determinato grado o ruolo, il docente che ha già svolto l’anno di prova in un determinato ruolo e ritorna in detto ruolo non deve fare nulla (né prova, né formazione).

Richiesta di passaggio. Requisiti

Per richiedere il passaggio di cattedra e di ruolo il docente deve aver superato l’anno di prova e deve essere in possesso dell’abilitazione/idoneità per il passaggio richiesto al momento della presentazione della domanda.

Se il docente ha già avuto una conferma in ruolo nel grado di attuale titolarità in cui è ritornato a seguito di passaggio di ruolo, non è sottoposto ad un nuovo periodo di prova e formazione e per tale motivo può, fin da subito, chiedere il passaggio di cattedra proprio perché non è sottoposto ad un nuovo periodo di prova e formazione.

Non solo, se dovesse ottenere il passaggio di cattedra richiesta non dovrà neanche in questo caso ripetere il periodo di formazione e prova.

Fontehttps://www.orizzontescuola.it/passaggio-di-cattedra-e-di-ruolo-requisiti-differenze-e-anno-di-prova/

In questo articolo