Aggiornamento graduatorie ad esaurimento 2019

1136

L’aggiornamento delle graduatorie ad esaurimento avverrà nella primavera del 2019. Ricordiamo che fu precisa scelta del governo precedente di prolungarne la validità di un anno, ecco perchè l’aggiornamento è slittato al 2019. Le GAE, graduatorie ad esaurimento sono destinate solo ed esclusivamente al personale già inserito.

In ballo per le GAE resta ancora sospesa la questione dei diplomati magistrali che attendono speranzosi la sentenza del Consiglio di Stato. La loro vicenda ha dell’incredibile, prima erano stati inserite per vie delle sentenze del TAR del Lazio poi esclusi e licenziati con scioglimento della riserva T dalla Plenaria, oggi per loro vi è un lumicino di speranza che si è acceso inaspettatamente.

Come avviene l’aggiornamento delle GAE del 2019

L’aggiornamento delle GAE – come già specificato – riguarda chi è già iscritto. L’aggiornamento del 2019 prevede l’inserimento di eventuali nuovi titoli e servizi svolti, salvo diverse diposizioni, non sarà possibile ca,biare provincia. Non è ancora chiaro se la durata delle graduatorie sarà biennale, quindi fino all’anno scolastico 2020/21 2021, oppure triennale fino all’anno scolastico 2021/2022.

Le risposte le avremo leggendo poi il decreto che permetterà appunto l’aggiornamento della GAE.

Aggiornamento delle GAE e prima fascia di istitutoCorsi di perfezionamento

Dalle graduatorie ad esaurimento si ricava anche la prima fascia delle graduatorie di istituto. In questo caso i docenti – se lo vogliono – possono scegliere una provincia diversa rispetto a quella delle GAE. Molti precari meridionali – ad esempio – scelgono la prima fascia in una provincia del SUD dove riescono ad avere l’incarico annuale e l’iscrizione alle GAE al Nord dove è più semplice avere il ruolo.

L’aggiornamento della prima fascia di istituto è strettamente legata all’aggiornamento delle graduatorie ad esaurimento, ciò significa che se il decreto viene emanato con cadenza biennale si aggiornerà ogni due anni, altrimenti ogni tre.

Fonte: www.informazionescuola.it

In questo articolo