Il contratto sulla mobilità 2017/18 è stato siglato: il comunicato della UIL lo definisce ‘sofferto’

372

logo5Manca solo la firma, ma l’accordo col Miur sulla mobilità 2017/18 ormai pare essere definitivo. Ieri i sindacati hanno iniziato a emettere i loro comunicati. La Uil lo definisce un contratto sofferto, ottenuto grazie all’intesa dello scorso 29 dicembre. Di seguito il comunicato.

Mobilità 2017/18 scuola, docenti e ATA: la scheda di sintesi dell’accordo

Uil, mobilità 2017/18: ‘ridare alle scuole un clima e una serenità di cui ha bisogno’

Il comunicato UIL sull’accordo della mobilità 2017/18 del 31 gennaio:

“Ora, mentre si avvia il percorso per l’approvazione da parte del MEF, della Funzione Pubblica e della Corte dei Conti, si dovrà aprire il confronto per completare le procedure di mobilità con il passaggio dagli ambiti alle scuole.

A questo proposito, c’è l’impegno delle parti per definire contestualmente le due procedure e chiudere con la stipula del contratto integrativo anche il contratto che definisce il passaggio daglibanner-certificazione-inform-new ambiti alle scuole.

Un contratto che tiene presente le diverse esigenze del personale senza dimenticare quelle degli alunni che è bene ricordare sono coincidenti con quelle dei docenti e non contrastanti.

Questa è l’unica strada per rimettere in carreggiata un convoglio deragliato e ridare alle scuole quel clima e quella serenità di cui ha bisogno un luogo di partecipazione e di libertà come è la scuola.

Nel merito è stata semplificata la procedura con l’eliminazione della fasi e dei vincoli burocratici e legislativi che impedivano solo ad alcune categorie di docenti la possibilità di presentare istanza di mobilità.

I docenti potranno scegliere direttamente di andare nelle scuole e hanno la possibilità di indicare cinque scuole e dieci opzioni anche di diverse province, sia per tutte le tipologie di mobilità; provinciale, interprovinciale e professionale. Sono stati, inoltre, armonizzati i punteggi e le rispettive tabelle.

Fonte:www.scuolainforma.it

In questo articolo
Inline
Orizzonte Docenti
Inline
Orizzonte Docenti