Assegnazioni provvisorie 2017 e blocco triennale. UIL: si cerca equilibrio tra mobilità e continuità didattica

437

24 cfu per concorso insegnantiIl nuovo contratto sulle utilizzazioni e assegnazioni provvisorie potrebbe contemplare una soluzione di giusto equilibrio tra le esigenze di mobilità auspicate dal personale interessato e quelle di continuità didattica.

Continuità didattica che viene invocata dal Ministro Fedeli quando parla di ritorno alla normalità per le assegnazioni provvisorie del personale docente per l’a.s. 2017/18, facendo intendere di non essere intenzionata a concedere alcuna deroga al vincolo triennale di permanenza nella provincia di immissione in ruolo.

Ma la contrattazione avviata questa settimana al Miur fa registrare un clima diverso, i sindacati si fanno portavoce di precise istanze da parte dei docenti, che non nascono da capricci o individualismi ma spesso da obiettive esigenze familiari, che le immissioni in corso-limruolo a partire dal 2015 hanno reso più difficili.

“Per il contratto integrativo sulle utilizzazioni e assegnazioni provvisorie, che si sta mettendo a punto in questi giorni – scrive la UIL nel documento conclusivo messo a punto a Montecatini, riunito per l’esecutivo nazionale del sindacato– va trovato il giusto equilibrio, che solo la contrattazione può realizzare, tra le legittime esigenze di mobilità del personale e la garanzia di continuità didattica degli alunni che va garantita in coerenza con la ratio della legge, senza bisogno di blocchi e inutili divieti punitivi”eipass1

E infatti nei giorni scorsi l’Amministrazione ha presentato un contratto che prevede specifiche tutele per le precedenze relative ai genitori con figli gravemente disabili e per quelli con figli piccoli.

Sarà sufficiente questo per garantire “il giusto equilibrio”?

Non ci sono ancora proposte più concrete, attendiamo l’esito delle riflessioni da parte dei sindacati.

In questo articolo
Inline
Orizzonte Docenti
Inline
Orizzonte Docenti