Contratto scuola, bonus 80 euro salvaguardato. Ecco cosa accade nella busta paga di febbraio

350

abilitazione scuola primaria e sostegnoCon riferimento a notizie apparse oggi sulla stampa in merito al bonus da 80 euro, il Ministero dell’Istruzione precisa, in un comunicato stampa, che, anche dopo gli aumenti previsti dal rinnovo del contratto scuola, il bonus è stato salvaguardato per le fasce retributive più basse. Nessun passo indietro, nessuna restituzione. Anzi, ci saranno dipendenti che percepiranno il bonus per la prima volta.

Questo grazie agli effetti dell’articolo 18 della legge di bilancio che ha innalzato, dal primo gennaio 2018, le soglie del reddito previste per accedere al bonus. In particolare la soglia di 24.000 euro, entro la quale già oggi il bonus viene percepito per intero, viene innalzata a 24.600 euro.

Mentre quella di 26.000 euro, oltre la quale attualmente non si ha diritto al bonus, nemmeno in misura ridotta, passa a 26.600. Dunque, anche chi avrà redditi compresi tra 26.000 e 26.600 euro, cioè fra la precedente e la nuova soglia per l’accesso al bonus, potrà accedere per la prima volta agli 80 euro che si sommeranno così all’incremento previsto dal rinnovo del contratto.certificazioni esb

Quanto alle buste paga di febbraio che, secondo le notizie di stampa, dovrebbero testimoniare la “restituzione degli 80 euro”, si fa presente che nella busta paga dei dipendenti della scuola, così come in quella di tutti i dipendenti, sia pubblici sia privati, si registra il normale conguaglio fiscale che scatta, per esempio se, durante l’anno, oltre al normale stipendio vengono percepiti compensi accessori. Nulla a che vedere con il contratto. Normale prassi fiscale.

Fontehttps://www.tecnicadellascuola.it/contratto-scuola-bonus-80-euro-salvaguardato-cosa-accade-nella-busta-paga-febbraio

In questo articolo
Inline
Orizzonte Docenti
Inline
Orizzonte Docenti