L’ALLARME – Pensioni, fuga dalla scuola nel 2021: attese almeno 50mila uscite

291

Le incertezze dei prossimi mesi potrebbero accentuare la propensione all’uscita di insegnanti e amministrativi. Verdetto a gennaio con le domande per i ritiri del prossimo anno. –

perfezionamenti
corsi di perfezionamenti annuali

Quest’anno, sulle domande presentate lo scorso gennaio e quindi prima dell’emergenza sanitaria, l’Inps ha certificato con esito positivo il diritto a pensione per circa 41.400 lavoratori del comparto, di cui circa 16.000 con i requisiti dell’anticipo “Quota 100”. E i primi di settembre sono stati liquidati circa 39.200 pensionamenti pari a quasi il 95% degli aventi diritto, di cui circa 15.300 “Quota 100”. Il dato è pressoché in linea con quello dell’anno scorso, quando tra settembre e ottobre vennero liquidati quasi 42.400 trattamenti pensionistici al personale del comparto, di cui circa 16.100 relativi al pensionamento anticipato “Quota 100”. Insomma, a gennaio potrebbe esserci un aumento di circa 10mila domande.

L’uscita anticipata con 62 anni e 38 di contributi minimi è un’opzione valida fino alla fine del 2021, ma una volta maturato il diritto potrà essere esercitato anche negli anni successivi. In pratica insegnati e personale Ata, volendo, potrebbero fare domanda di ritiro con “Quota 100” anche nel gennaio del 2022 o del 2023, se volessero fare un altro anno scolastico, scenario tutto da verificare, come si diceva, visto il difficile contesto determinato dalla pandemia…  – Questo è quanto si legge nel sommario e nel più ampio articolo del 25 settembre 2020, pubblicato da ilsole24ore.it  (fonte notizia).

Consegui 24 cfu
Consegui 24 cfu
In questo articolo