Rinnovi contrattuali Incontri presso l’ARAN

1093

Ieri 30 luglio, presso l’ARAN si è tenuta la riunione relativa alle trattative per i rinnovi dei contratti del personale docente ed ATA.

Alla riunione erano presenti tutte le OO.SS, Confederali e di Categoria dei sindacati rappresentativi del Pubblico impiego.

Per la UIL era presente Giacinto Fiore, per la UIL P.A S. Bosco, Pino Turi in rappresentanza della UIL Scuola e C. Fiordaliso della FPL UIL, quest’ultimo presente anche se non convocato, in quanto l’ARAN ha convocato i sindacati del settore statale in senso stretto, escludendo sanità ed Enti Locali.

Il Presidente dell’ARAN in apertura di seduta ha illustrato la lettera di richiesta all’ARAN del Ministro della F.P. e dell’innovazione ed illustrato il seguente possibile percorso:

·         aprire le trattative per rinnovare i contratti per il biennio 2008/2009, con l’attuale modello contrattuale del 1993 ( sulla base dell’inflazione programmata), valutando gli effetti delle contrattazioni di secondo livello;

·         un “Tavolo” specifico di trattativa sulla riforma del modello contrattuale, armonizzato con quello già aperto con i privati ( CGIL, CISL, UILL e Confindustria);

·         aprire un confronto per “collaborare” con il Governo, attraverso intese con le OO.SS. per la definizione dei decreti delegati della legge (presentata al Parlamento dal Ministro Brunetta) di riforma del pubblico impiego.

La UIL Scuola, nel proprio intervento, nel confermare la propria volontà di partecipazione ai diversi incontri, ha chiesto garanzie e chiarimenti circa:

*  la certezza sulle risorse disponibili per i relativi rinnovi contrattuali;

* distinguere i vari tavoli tra quelli propriamente contrattuali e quelli di confronto, per evitare confusione tra materie contrattuali e non;

* di essere interessati alla riforma del modello contrattuale che deve vedere i lavoratori della scuola all’interno di tale modello;

* tenere presente nella composizione dei tavoli e del percorso di lavoro che l’ARAN intende proporre, delle varie specificità, come è quella rappresentata dalla scuola, rispetto al resto del P.I. e del necessario coordinamento circa l’intreccio che si può determinare con il confronto specifico che il  Ministro dell’Istruzione, Università e Ricerca, avrà con le OO.SS. Confederali e della Scuola, a partire dall’incontro già fissato per il 6 agosto;

* di conoscere in maniera specifica, il mandato che l’ARAN riceverà dal Governo, sui diversi Tavoli.

Nel concludere la riunione, il Presidente dell’ARAN, ha tenuto a precisare che a settembre si farà il punto della situazione, sulla base di una consultazione con il Ministro a cui riferirà  le posizioni sindacali

Circa le risorse, pur riservandosi maggiori precisazioni a settembre, ha voluto affermare che il Governo, intende:

– con  la Finanziaria, reperire le risorse relative all’inflazione programmata;

– rendere omogeneo il trattamento con i privati (detassazione straordinari);

– la costituzione di un fondo contrattuale per la contrattazione integrativa. alimentato dal taglio operato dal D.L n. 112 e dalla riduzione delle consulenze.

In questo articolo