Coppie gay, Brunetta e Rotondi stanno preparando una proposta di legge

1011

Una proposta di legge sulle unioni civili. La starebbero approntando i ministri Gianfranco Rotondi e Renato Brunetta. Lo ha rivelato in una intervista al quotidiano Il Tempo lo stesso ministro per l’Attuazione del programma.

«Il governo – chiarisce Rotondi – sarà tenuto fuori da questa iniziativa». «C’è da legiferare – spiega il segretario della Nuova Dc – in ordine a un fenomeno che non è marginale e che riguarda le persone che a vario titolo convivono senza essere sposati. Spesso indipendentemente dal fatto sessuale». Rotondi e Brunetta pensano dunque a tutele come «l’assistenza in caso di malattia, la successione, i diritti relativi all’alloggio, insomma tutti i diritti che rendono il convivente prioritario rispetto ai parenti e che per ora non esistono. E ci occuperemo anche delle coppie gay».

Parole che hanno messo d’accordo esponenti gay di destra e di sinistra. «Se la proposta sarà condivisibile nei contenuti – ha dichiarato la deputata del Partito Democratico Anna Paola Concia – la sottoscriverò».

«Commosso» si è detto il presidente di GayLib, Enrico Oliari. «Dopo anni di fumo e di dannose ipocrisie – ha detto l’esponente dell’associzione dei gay liberali e di centrodesra – le sinistre stanno finalmente
perdendo il monopolio sulla tematica dei diritti dei gay e penso che grazie
al Governo di centrodestra ora possiamo finalmente sperare nel
riconoscimento dei nostri diritti. Io, che da sempre sono di destra, non ne
ho mai avuto dubbio».

In questo articolo