A scuola cucinano papà e mamma

1063

A Ficarra, in provincia di Messina, i genitori degli alunni delle medie ed elementari si sono costituiti in associazione per provvedere, grazie ai soldi che il Comune avrebbe investito per una società esterna, all’acquisto dei generi alimentari e alla gestione della mensa

 

FICARRA (MESSINA) – A scuola, si mangia come a casa. E non può essere altrimenti se la mensa viene gestita in stretta collaborazione con i genitori che all’interno della cucina che si trova nel plesso, si danno da fare come assistenti cuochi, lavapiatti e camerieri.

Succede a Ficarra dove l’amministrazione comunale, in collaborazione con i genitori dei bambini che frequentano le scuole materne ed elementari, ha avviato la singolare iniziativa.

Una settantina i genitori che si sono costituiti in associazione per provvedere, grazie ai soldi che il comune avrebbe ugualmente investito per una società esterna, all’acquisto dei generi alimentari ed alla gestione della mensa.

A cucinare ci pensa un capocuoco, una professionista del settore della ristorazione mentre i genitori provvedono agli acquisti dei prodotti ed a collaborare in cucina. La svolta impressa dal comune di Ficarra è giunta dopo alcune brutte esperienze del passato.

La società che gestiva il servizio, preparava i pasti ad una ventina di chilometri di distanza. Li sigillava e li trasportava a scuola con il risultato che i bambini finivano per non mangiare pasti ormai scotti e freddi. “Il costo del servizio mensa – spiega il sindaco Basilio Ridolfo – è rimasto immutato ma la qualità dei pasti è certamente migliorata”.

In questo articolo