Supplenze, MIUR: no contratti sino ad avente diritto ma con data certa. Quando si può perdere posto

592

Il Miur ha pubblicato l’annuale circolare sulle supplenze per l’anno scolastico 2018/19. Vediamo in questa scheda la novità relativa ai contratti.

La circolare

La circolare riprende una delle novità introdotte dal CCNL 2016-18, riguardante i contratti a tempo determinato.

Contratti a tempo determinato: devono indicare la data di termine

L’articolo 41, comma 1, del Contratto, richiamato dalla circolare, così dispone:

I contratti a tempo determinato del personale docente, educativo ed ATA devono recare in ogni caso il termine… 

contratti a tempo determinato del personale della scuola, dunque, non possono più essere “sino ad avente titolo”, ma  devono recare il termine, ossia la fine della supplenza. Ciò anche quando si è in attesa della pubblicazione di nuove graduatorie.

Cause di risoluzione

Pur riportando la data di termine, il contratto può essere risolto, come detta sempre il succitato articolo 41, comma 1:

[… ]Tra le cause di risoluzione di tali contratti vi è anche l’individuazione di un nuovo avente titolo a seguito dell’intervenuta approvazione di nuove graduatorie.

contratti, in conclusione, devono recare in ogni caso il termine della supplenzatuttavia possono risolti e la supplenza attribuita ad un nuovo docente avente titolo in seguito alla pubblicazione di nuove graduatorie (cosa che succede spesso con la pubblicazione delle graduatorie di istituto).

Supplenze 2018/19, circolare Miur. Accettare o rinunciare alla proposta, messa a disposizione, sanzioni, priorità legge 104

Fonte:https://www.orizzontescuola.it/supplenze-miur-no-contratti-sino-ad-avente-titolo-ma-con-data-certa-quando-possono-essere-risolti/

Corsi di perfezionamento

In questo articolo