Malattia personale a tempo determinato: quali differenze tra una supplenza breve e una al 30/6

263

Per il personale a tempo determinato è previsto un periodo di assenza per malattia e relativa retribuzione. Ci sono differenze tra tipologie di contratto?

Master mondo scuola
Master mondo scuola

Luigi scrive

Salve e buonasera, volevo chiedere: con un contratto di tipologia “N11″(supplenza temporanea fino al termine delle attività didattiche) con presa di servizio in data 16/09 e fino al 30/06, personale ATA, quanti giorni di malattia totali si hanno a disposizione nell’arco di questo periodo complessivo del servizio? Leggevo in rete che per i “supplenti temporanei” sono previsti soltanto 30gg retribuiti al 50%. Tuttavia, se ho ben capito, io non rientrerei in questa tipologia, in quanto ho un contratto stipulato prima del 31/12(da quello che ho letto in rete, quindi stando a ciò che ho letto, i contratti stipulati prima di tale periodo, non sono considerati come “supplenze brevi” o comunque non rientrano nella tipologia di contratto che ha a disposizione soltanto 30gg retribuiti, tra l’altro, al 50%). Mi confermate ciò? Rientro dunque nella tipologia contrattuale che ha a disposizione 30gg di malattia retribuiti al 100% e poi altri 2(2nd e 3rd mese) retribuiti al 50%? Oppure no? Infine, leggevo in rete che nei primi 10gg di malattia si riceve soltanto il compenso economico fondamentale, sprovvisto quindi di: di ogni indennità o emolumento con carattere fisso e continuativo. di ogni altro trattamento economico accessorio. Cosa si intende,di preciso, con ciò? Nei primi 10gg di malattia,quindi, pur rientrando nel mese con retribuzione al 100%, riceverò uno stipendio inferiore al normale? Grazie in anticipo.

Master per il completamento delle classi di concorso
Master per il completamento delle classi di concorso

Nomina fino al 30/6 o 31/8

Il personale assunto per l’intero anno scolastico o fino al termine delle attività didattiche (anche se nominato dal dirigente scolastico) ha diritto alla conservazione del posto per un periodo di 9 mesi in un triennio scolastico.

In ciascun anno scolastico la retribuzione viene corrisposta:

  • per intero nel primo mese di assenza;
  • al 50% nel secondo e terzo mese (senza interruzione dell’anzianità di servizio);
  • per il restante periodo: conservazione del posto senza assegni e con interruzione dell’anzianità di servizio a tutti gli effetti.

Nomina supplenze brevi

Il personale assunto dal dirigente per supplenze temporanee ha diritto alla conservazione del posto per un periodo non superiore a 30 giorni all’annocon retribuzione al 50%, nei limiti della durata del rapporto di lavoro (senza interruzione dell’anzianità di servizio).

Università
Università

Conclusioni

La collega che ci scrive rientra nel primo punto anche se la supplenza è stata assegnata dalla scuola in quanto ciò che rileva è che il contratto sia fino ad almeno il 30/6.

Per quanto riguarda la trattenuta fino ai 10 gg, per il personale della scuola si riducono:

  • La retribuzione professionale docenti (RPD);
  • Il compenso individuale accessorio;
  • L’indennità di direzione del Dsga.

Inoltre la decurtazione retributiva va calcolata in trentesimi.

Consegui 24 cfu
Consegui 24 cfu

Per il personale ATA la trattenuta lorda per ogni giorno di assenza fino a 10 gg. oscilla tra € 1,95 e 2,15.

FONTE: https://www.orizzontescuola.it/malattia-personale-a-tempo-determinato-quali-differenze-tra-una-supplenza-breve-e-una-al-30-6/

In questo articolo