Concorso straordinario: tutti gli argomenti da studiare per la prova d’esame

589

Il Decreto Scuola è ancora in via di discussione al Senato, e si attende che sia approvato in maniera definitiva. C’è molta attesa soprattutto in previsione dell’uscita del Concorso Straordinario, che permetterà di assumere circa 24mila studenti.

perfezionamenti
corsi di perfezionamenti annuali

Concorso Straordinario, cosa studiare

Visto che questo Concorso uscirà a breve, gli aspiranti insegnanti si stanno chiedendo su quali argomenti verterà la prova d’esame, in particolare quella che si sosterrà al computer.

Lo superamento di tale prova è infatti il primo step del concorso, e sarà superata con un punteggio minimo di 7/10.

Consegui 24 cfu
Consegui 24 cfu

Gli argomenti sono simili a quelli affrontati nel concorso docenti 2016 (nello specifico, l’allegato A al decreto ministeriale del concorso a cattedra 2016.

Concorso straordinario, gli argomenti della prova computer based

  1. Il primo aspetto è sicuramente legato all’ottima conoscenza delle materie di insegnamento, a un corretto sistema di valutazione e un continuo miglioramento dei percorsi didattici.
  2. È richiesta anche la conoscenza dei fondamenti della psicologia dello sviluppo, della psicologia dell’apprendimento scolastico e della psicologia dell’educazione, ovvero gli argomenti inerenti con i 24 CFU;
  3. Sono richieste anche delle conoscenze pedagogico-didattiche anche in ambito interattivo con altri docenti, sia della classe che dell’intera scuola.
  4. Capacità di progettazione curriculare della disciplina;
  5. il docente deve essere in grado di programmare una didattica personalizzata in base alle esigenze individuali di ogni alunno, in particolare per quelli con disabilità o BES (Bisogni Educativi Speciali)
  6. il docente deve anche saper conoscere e utilizzare tutti quegli strumenti interattivi da poter la didattica in classe, come LIM e Tablet;
  7. un altro aspetto da tenere in conto è quello relativo alla didattica e all’orientamento degli alunni, oltre che quello relativo all’autovalutazione;
  8. serve inoltre conoscere le Indicazioni nazionali per gli ordini di scuola, oltre alla conoscenza della legislazione e normativa scolastica italiana, in particolare:

    Costituzione italiana;
    Legge 107/2015;
    autonomia scolastica e organizzazione del sistema educativo di istruzione e formazione (con riferimento, in particolare, al dPR 275/1999, al d. lgs 15 aprile 2005, n. 76, al d. m. 22 agosto 2007, n. 139);
    ordinamenti didattici: norme generali comuni e, relativamente alle procedure concorsuali, al relativo grado di istruzione (L. 107/2015, dPR 89/2009, dPR 87/2010, dPR 88/2010 e dPR 89/2010, dPR 122/2009);
    e. governance delle istituzioni scolastiche (Testo Unico, Titolo I capo I);
    stato giuridico del docente, contratto di lavoro, disciplina del periodo di formazione e di prova;
    compiti e finalità degli organi tecnici di supporto: l’Invalsi e l’Indire;
    il sistema nazionale di valutazione (dPR 80/2013);
    normativa specifica per l’inclusione degli alunni disabili, con disturbi specifici di apprendimento e con bisogni educativi speciali;
    Linee guida nazionali per l’orientamento permanente (nota MIUR prot. n. 4232 del 19.02.2014);
    Linee guida per l’accoglienza e l’integrazione degli alunni stranieri (nota MIUR prot. n. 4233 del 19.02.2014);
    Linee di indirizzo per favorire il diritto allo studio degli alunni adottati (nota MIUR prot. n. 7443 del 18.12.2014);
    Linee di orientamento per azioni di prevenzione e di contrasto al bullismo e al cyberbullismo (nota MIUR prot. n. 2519 del 15.04.2015)

  9. Il docente deve anche conoscere questi documenti europei inerenti alla scuola e che sono recepiti dall’ordinamento italiano:

    a. Quadro Europeo delle Qualifiche per l’apprendimento permanente e relative definizioni di competenza, capacità e conoscenza (raccomandazione del Parlamento Europeo e del Consiglio 23 aprile 2008);
    b. Raccomandazione del Parlamento europeo e del Consiglio 18 dicembre 2006 relativa a competenze chiave per l’apprendimento permanente;
    c. Programmi di scambi/mobilità di docenti e studenti: programma Erasmus+.

    Università
    Università
  10. È richiesta anche la conoscenza di una lingua straniera comunitaria, ad esempio della lingua inglese livello B2.

FONTE: https://www.voglioinsegnare.it/Articoli/concorso-straordinario-argomenti-da-studiare

In questo articolo