200mila supplenti col fermo dei concorsi?

250

Dopo lo stop ai concorsi per 70mila posti, imposto dall’epidemia di Covid-19, la prospettiva più sicura sembra essere quella di una richiesta enorme di supplenti per mandare avanti la scuola, pari a oltre  200mila unità.

perfezionamenti
corsi di perfezionamenti annuali

Ritardi e burocrazia

I ritardi, le mancanze di prospettive, i processi burocratici, gli inghippi legali non sono passati invano e il panorama che si presenta sembra essere quello di un’onda anomala di personale precario che chiederà poi i propri diritti.

200mila supplenti

La ministra Lucia Azzolina (M5S) avrebbe voluto emanare entro febbraio i bandi dei primi 3 concorsi per un totale di 64mila nuovi posti, ma l’epidemia in corso, che ha bloccato persino le riunioni, potrebbe far slittare il tutto, cosicché  a settembre le scuole potrebbero riaprire arruolando 200mila supplenti, considerato pure che 30mila prof andranno in pensione.

Sedi esami
sedi di esami

Tappe forzate e semplificazione nei concorsi

Tranne che il Governo, se riesce a contenere l’epidemia, a marce forzate e con ulteriori semplificazioni, come sembra si voglia fare con gli esami di stato, programmi i concorsi a luglio per avere i prof in cattedra a settembre, epidemia permettendo.

FONTE: https://www.tecnicadellascuola.it/200mila-supplenti-col-fermo-dei-concorsi

In questo articolo