Coronavirus, nuovo decreto: congedo, piattaforme e-learning, telelavoro. Tutte le misure, SCARICA BOZZA

271

In via di pubblicazione (oggi alle ore 10 è previsto un Consiglio dei Ministri) il testo definitivo del Decreto che punta a misure in aiuto di aziende e famiglie per far fronte all’emergenza Coronavirus. Vi diamo alcuni contenuti presenti all’interno, nonché la bozza da scaricare, ricordandovi che il testo potrebbe essere suscettibile di modifiche.

Master mondo scuola
Master mondo scuola

Fondi a scuole per comprare piattaforme per e-learning e tablet e connessione agli studenti

Lo stanziamento sarà di circa 84 milioni di euro. La misura punterà anche a formare i docenti sulle metodologie e-learning, oltre a permettere l’assunzione di assistenti tecnici per l’anno scolastico in corso per infanzia, primaria e secondaria di I grado.

Master per il completamento delle classi di concorso
Master per il completamento delle classi di concorso

Congedi e permessi 104

Coronavirus, bozza decreto: congedi parentali fino a 15 giorni e 24 giorni in più di permessi 104

La misura permetterà di usufruire di giorni aggiuntivi rispetto a quelli già previsti da normativa. Inoltre, sarà possibile, in alternativa, usufruire di 500 euro per il pagamento di babysistter. Articolo

Università
Università

43 milioni di euro per igiene personale e pulizia straordinaria nelle scuole

Il decreto stanzia una somma per l’acquisto di prodotti per l’igiene del personale e degli studenti, nonché per la pulizia delle scuole in vista della riapertura.

Coronavirus, bozza decreto: scuole restano aperte, ATA a lavoro. Confermati smart working e turnazione

Consegui 24 cfu
Consegui 24 cfu

Disattesa, per il momento, la chiusura delle scuole. Ricordiamo che le scuole restano aperte ma le attività didattiche sono sospese. Previsto nel decreto anche lo smart working obbligatorio in caso di emergenze sanitarie.

Differimento del termine di adozione dei rendiconti annuali 2019

In considerazione della situazione straordinaria di emergenza sanitaria derivante dalla diffusione dell’epidemia da COVID-19 e della oggettiva necessità di alleggerire i carichi amministrativi di enti ed organismi pubblici anche mediante la dilazione degli adempimenti e delle scadenze, il termine di adozione dei rendiconti o dei bilanci d’esercizio relativi all’esercizio 2019 degli enti e dei loro organismi strumentali, ordinariamente fissato al 30 aprile 2020, è differito al 31 maggio 2020. Per le regioni e le province autonome di Trento e di Bolzano sono rinviati al 31 maggio 2020 e al 30 settembre 2020 i termini per l’approvazione del rendiconto 2019 rispettivamente da parte della Giunta e del Consiglio.

Sedi esami
sedi di esami

Scarica la bozza di Decreto

In questo articolo