Disoccupazione, decreto Cura Italia: più tempo per le domande per la NASpI

165

Il Decreto-Legge 17 marzo 2020, n. 18, cosiddetto decreto “Cura Italia”, contiene misure di potenziamento del Servizio sanitario nazionale e di sostegno economico per famiglie, lavoratori e imprese connesse all’emergenza epidemiologica da COVID-19.

Sedi esami
sedi di esami

In particolare, tra le disposizioni a sostegno dei lavoratori, l’art. 33 interessa coloro che, anche tra il personale scolastico, ha perso e perderà il lavoro tra il 1° gennaio al 31 dicembre 2020.

L’art. 33 riguarda infatti la proroga dei termini in materia di domande di disoccupazione NASpI.

Master mondo scuola
Master mondo scuola

Ricordiamo che la NASpI (Nuova Assicurazione Sociale per l’Impiego) è una indennità mensile di disoccupazione, erogata su domanda dell’interessato.

La NASpI spetta, tra gli altri, ai dipendenti a tempo determinato delle pubbliche amministrazioni che hanno perduto involontariamente l’occupazione.

Il comma 1 del suddetto art. 33 prevede che per agevolare la presentazione delle domande di disoccupazione NASpI, per gli eventi di cessazione involontaria dall’attività lavorativa verificatisi a decorrere dal 1° gennaio 2020 e fino al 31 dicembre 2020, i termini di decadenza previsti dall’articolo 6, comma 1, e dall’articolo 15, comma 8, del decreto legislativo 22 aprile 2015, n. 22, sono ampliati da 68 a 128 giorni. In partica, il richiedente interessato, può presentare domanda all’INPS non più entro 68 giorni dalla cessazione del rapporto di lavoro, ma entro 128 giorni. È fatta comunque salva la decorrenza della prestazione dal 68° giorno successivo alla data di cessazione involontaria del rapporto di lavoro.

perfezionamenti
corsi di perfezionamenti annuali

FONTE: https://www.tecnicadellascuola.it/disoccupazione-decreto-cura-italia-piu-tempo-per-le-domande-per-la-naspi

In questo articolo