La Camera blocca l’emendamento di Fioramonti nella giornata dedicata alla disabilità: niente raddoppio degli insegnanti di sostegno nel 2021

322

La Camera blocca l’emendamento di Fioramonti nella giornata dedicata alla disabilità: niente raddoppio degli insegnanti di sostegno nel 2021.

Negli scorsi giorni l’ex Ministro dell’Istruzione Lorenzo Fioramonti aveva presentato un emendamento per l’incremento di 5.000 posti di docenti di sostegno in più da inserire nella Legge di Bilancio (leggi l’articolo di Orizzonte Docenti).

Un emendamento che, se approvato, avrebbe portato il raddoppiamento del personale riservato agli alunni disabili innalzando le cattedre di ruolo da 5.000 a 10.000 già dal prossimo anno, arrivando ad un totale di 30.000 anziché 25.000 nel triennio (2021-2023).

L’emendamento però, al contrario di quello sull’abolizione del vincolo quinquennale, presentato sempre da Fioramonti (che potete vedere in quest’altro articolo) non ha riscontrato parere positivo.
E la cosa particolare è che la Camera blocca l’emendamento proprio ieri, che era nella giornata dedicata alla disabilità. Un controsenso che sembra avere dell’incredibile: un’occasione persa per fare un regalo ai tanti ragazzini in difficoltà e far sentire la vicinanza delle istituzioni in questo travagliato inizio di anno scolastico.

E’ lo stesso ex Ministro tramite la sua pagina facebook a dare l’annuncio: “Mi dispiace che proprio oggi che è la Giornata mondiale per la #disabilità devo dare la brutta notizia che la Camera ha dichiarato inammissibile il mio emendamento che incrementava il numero dei posti sul sostegno da 5000 a 10000 per il 2021. Dopo un paio d’anni nelle istituzioni italiane ancora mi sorprende come la mannaia dell’inammissibilità sia utilizzata in modo del tutto incoerente (e spesso strumentale) per bloccare provvedimenti scomodi. In questo caso si trattava di un emendamento semplice e lineare, di carattere finanziario, come conviene alla Legge di Bilancio. Invece hanno bloccato questo emendamento e permesso altri che hanno carattere ordinamentale, e quindi non attinenti alla materia di bilancio”.

Il rischio che il prossimo anno ci sia un vuoto nelle cattedre di sostegno è concreto, data anche la lentezza con la quale stanno partendo il corsi di specializzazione del tfa sostegno (ricordiamo che in alcune università devono ancora essere espletate le prove scritte e orali di accesso).

“Mi dispiace per gli insegnanti di sostegno – continua Fioramonti – soprattutto quelli già specializzati, e per tutti gli studenti e le studentesse con disabilità. Purtroppo le immissioni in ruolo attualmente previste saranno insufficienti persino per rimpiazzare i pensionamenti. Molto lontano dall’obiettivo fondamentale di una scuola davvero inclusiva”.

 

I nostri corsi: https://www.orizzontedocenti.it/universita-telematica/

In questo articolo