OBBLIGO VACCINALE, TERMINE DEL CONTRATTO PER IL SUPPLENTE CHE SOSTITUISCE IL PERSONALE SOSPESO

426

da La Tecnica della Scuola Di Lara La Gatta Per la sostituzione del personale docente sospeso perché inadempiente all’obbligo vaccinale, il dirigente scolastico provvede all’attribuzione di contratti a tempo determinato che si risolvono di diritto nel momento in cui cessa la sospensione.

Così si legge nella nota MI del 7 dicembre, che riprende il disposto contenuto nel Decreto-legge 26 novembre 2021, n. 172.

In proposito, la FLC Cgil solleva una quesione di non poco conto.

In relazione all’importante tema delle sostituzioni, – leggiamo in una nota sindacale – si ritiene estremamente grave l’errata indicazione relativa alla risoluzione di diritto dei contratti a tempo determinato al rientro dalla sospensione del titolare vaccinato“.

La FLC Cgil sottolinea come la circolare ignori quanto previsto dal CCNL e dal Codice civile in relazione alla rescissione anticipata dei contratti a termine, e inoltre contraddica la norma non abrogata dell’art. 9-ter, comma 2, della legge 76/2021 di conversione del dl 52/2021, che recita: “La sospensione del rapporto di lavoro è disposta dai dirigenti scolastici e dai responsabili delle istituzioni di cui ai commi 1 e 1-bis e mantiene efficacia fino al conseguimento della condizione di cui al comma 1 e alla scadenza del contratto attribuito per la sostituzione che non supera i quindici giorni”.

Il Ministero dovrebbe a questo punto intervenire con un’ulteriore nota di chiarimento in relazione ai contratti a tempo determinato stipulati per la sostituzione del personale sospeso.

CIRCOLARE MINISTERIALE SU OBBLIGO VACCINALE

università telematica

In questo articolo