Supplenze 2022/23, annuali e al 30/6: come vengono conferite? OM 112

161

Conferimento delle supplenze 2022/2023 al 30 giugno e al 31 agosto: cosa prevede l’Ordinanza Ministeriale 112.

Le indicazioni per il conferimento delle supplenze annuali e al 30/6 sono contenute nell’articolo 12 dell’OM 112/2022, relativa all’aggiornamento delle GPS e delle graduatorie di Istituto. Come indica il comma 1, le operazioni di conferimento di queste tipologie di supplenze sono effettuate ordinariamente con modalità informatizzata. Da quali graduatorie?

Conferimento supplenze annuali e al 30/6: da quali graduatorie?

Le graduatorie utilizzate per le supplenze 2022/23 sono le GaE, le GPS e le graduatorie di Istituto. Il comma 2 dell’OM spiega che ‘hanno titolo a conseguire le supplenze annuali e al termine delle lezioni esclusivamente gli aspiranti, utilmente collocati nelle GAE e, in subordine, nelle GPS, che hanno presentato istanza finalizzata al conferimento degli incarichi con modalità telematica attraverso il sistema informativo del Ministero’.

Attraverso la procedura informatizzata gli aspiranti possono indicare, con preferenza sintetica o analitica, tutte le sedi di organico relative a ciascun grado di istruzione richiesto. Nel conferimento delle supplenze, il sistema informatico è programmato in modo che si tenga conto delle disponibilità che si determinino fino al termine del 31 dicembre, effettivamente esistenti in relazione ai diversi turni di nomina, come registrate dall’ufficio scolastico territorialmente competente.

L’assegnazione delle supplenze è informatizzata

Il comma 5 spiega che gli US, a seguito delle istanze presentate, assegnano gli aspiranti alle singole istituzioni scolastiche attraverso una procedura automatizzata. Si segue l’ordine delle classi di concorso o tipologia di posto indicato e delle preferenze espresse, sulla base della posizione occupata in graduatoria.

L’assegnazione dell’incarico sulla base delle preferenze espresse nella domanda comporta l’accettazione della stessa. Degli esiti dell’individuazione viene data pubblicazione da parte degli uffici all’albo on line.

Spezzoni

Comma 12: “L’aspirante cui è conferita una supplenza a orario non intero in caso di assenza di posti interi conserva titolo, in relazione alle utili posizioni occupate nelle diverse graduatorie di supplenza, a conseguire il completamento d’orario, esclusivamente nell’ambito della provincia di inserimento, fino al raggiungimento dell’orario obbligatorio di insegnamento previsto per il corrispondente personale di ruolo, tramite altre supplenze correlate anche al di fuori della procedura informatizzata, secondo l’ordine delle preferenze espresse nell’istanza.

Nel predetto limite orario, il completamento è conseguibile con più rapporti di lavoro a tempo determinato da svolgere in contemporaneità esclusivamente per insegnamenti per i quali risulti omogenea la prestazione dell’orario obbligatorio di insegnamento prevista per il corrispondente personale di ruolo.

Per il personale docente della scuola secondaria il completamento dell’orario di cattedra può realizzarsi per tutte le classi di concorso, sia di primo che di secondo grado, sia cumulando ore appartenenti alla medesima classe di concorso sia con ore appartenenti a diverse classi di concorso. Il predetto limite vale anche per la scuola dell’infanzia e primaria.

L’aspirante cui è conferita una supplenza a orario non intero pur in presenza di disponibilità di posti interi, non ha titolo a conseguire alcun tipo di completamento d’orario”.

da scuolainforma

Laurea Triennale - Scienze delle attività motorie e sportive L22

In questo articolo