Congedo parentale e maternità scuola: regole e novità per il 2019

1393

Corsi di perfezionamentoIl congedo parentale per dipendenti pubblici e privati, rappresenta il primo strumento di conciliazione vita privata-lavoro, esaurita la maternità obbligatoria.

Congedo parentale scuola: come funziona per docenti e personale ATA

Il congedo parentale nella scuola può essere richiesto dai docenti e personale ATA con figli entro i 12 anni, in qualsiasi momento dell’anno scolastico. Proprio il periodo natalizio è cruciale relativamente al numero di richieste di giorni di congedo parentalee non a caso è uno di quelli in cui aumenta la domanda di supplenti da parte degli istituti scolastici (anche tramite MAD).

Anche i docenti con contratto a tempo determinato possono prendere il congedo parentale. Per i supplenti quindi si applicano le stesse regole, e criteri di retribuzione, in caso di congedo parentale.

Bisogna sottolineare un ulteriore aspetto importante: in caso di congedo parentale, il lavoratore non è tenuto a recuperare le ore lavorative dovute.corso di preparazione al concorso straordinario scuola primaria, infanzia e sostegno

Il congedo parentale (prima astensione facoltativa) è stato oggetto, nel d.lgs. 15.06.2015, n. 80, di alcune importanti revisioni normative. Che cosa è cambiato nel settore scuola? Quali novità per il congedo parentale insegnanti e personale ATA?

Congedo parentale scuola: chi ne ha diritto, quanti giorni e retribuzione

Il precedente regime accordava un periodo di congedo parentale pari, in totale, a 6 mesi, che la lavoratrice madre poteva utilizzare fino al compimento degli 8 anni di età del figlio, e che prevedeva le seguenti percentuali di retribuzione:

  • fino a 3 anni di età del minore, la retribuzione era del 100% per il primo mese e del 30% per i seguenti 5 mesi;
  • dai 3 ai 6 anni di età del minore, la retribuzione poteva essere corrisposta solo se il reddito della madre richiedente risultava inferiore di 2,5 al minimo pensionabile corrisposto dall’Inps;
    • dai 6 agli 8 anni di età del minore, retribuzione non corrisposta.,l9qwelkj

Quali sono state le novità introdotte dal d.lgs. n. 80/2015?

La prima (confermata dal successivo d.lgs. n.148 dello stesso anno) ampia ai primi dodici anni di vita del minore la possibilità di sfruttare il congedo (di conseguenza le percentuali vengono livellate su periodi di indenizzabilità diverse, rispettivamente fino al sesto anno, da sei a otto anni e dall’ottavo al dodicesimo anno).

A tal proposito leggi la sentenza che ha confermato il diritto alla retribuzione al 100% per i primi trenta giorni di congedo utilizzati entro il 12simo anno del minore.

La seconda novità riguarda invece la possibilità di fruizione del congedo parentale ad ore anche per i dipendenti delle Pubbliche amministrazioni che, fino a quel momento, ne erano rimasti esclusi.

Come funziona il congedo ad ore insegnanti

Per quanto riguarda la scuola, occorre accordo con il dirigente scolastico onde evitare una fruizione del congedo “selvaggia” che crei problemi al sistema didattico.

Vige un limite di cumulabilità nel senso che la lavoratrice che utilizza il congedo parentale orario, non potrà contemporaneamente fruire:

  • del congedo parentale orario per altro figlio;
  • dei permessi per allattamento, anche per altro figlio;
  • dei permessi orari (di norma, due ore giornaliere ), in alternativa al prolungamento del congedo parentale a giorni, per l’assistenza ai figli disabili fino al compimento dei tre anni di vita.

Congedo parentale docenti, novità 2019: valide anche per la scuola?

Per quanto riguarda il congedo di maternità (ex astensione obbligatoria), la Legge di Bilancio ha previsto la possibilità di lavorare fino al nono mese di gravidanza, previa autorizzazione del  medico. Questo permette alle lavoratrici che sono nelle condizioni di salute per farlo, di godere dei cinque mesi di congedo obbligatorio per intero dopo il parto (e non, come adesso, obbligatoriamente due mesi prima della data presunta e tre mesi dopo il parto o, alternativamente, con la formula flessibile 1+4 per chi sceglie di lavorare fino all’ottavo mese). La proposta va letta contestualmente all’incremento del bonus nido da 1000 a 1500 euro l’anno per le donne che tornano a lavorare.

L’altra grande novità del pacchetto famiglia per quanto riguarda il congedo parentale, è la proposta di riconoscere ai neo papà un giorno in più. Il congedo parentale papà durerebbe 5 giorni e non più 4. Tale misura però è a rischio e, se non verrà confermata, si potrebbe tornare ai due giorni di congedo per i neopapà. Per questo motivo è stata lanciata una petizione online.

Allo studio infine anche un emendamento che mira ad alzare l’età dei figli per i quali è possibile fruire del congedo, passando da 12 a 16 anni.

Per quanto riguarda queste tre novità in merito al congedo parentale 2019, seguiremo da vicino eventuali sviluppi e aggiornamenti.

Fonte:https://www.orizzontescuola.it/congedo-parentale-e-maternita-scuola-regole-e-novita-per-il-2019/

In questo articolo