Concorso infanzia e primaria: requisiti, posti, prove. Tutte le info

255

Concorso ordinario infanzia e primaria: a breve il Miur pubblicherà il bando con l’indicazione del numero di posti per regione e le date di scadenza per la presentazione della domanda.

Requisiti di accesso

Posti comuni

  • laurea in Scienze della formazione primaria
  • diploma magistrale  con  valore  di  abilitazione  e  diploma sperimentale a indirizzo linguistico, conseguiti presso gli  istituti magistrali, o analogo titolo di abilitazione conseguito all’estero  e riconosciuto in Italia ai sensi della normativa vigente,  conseguiti, comunque, entro l’anno scolastico 2001/2002.
  • analogo titolo conseguito all’estero e riconosciuto dal miur

Per i posti di sostegno è necessario essere in possesso, oltre ad uno dei titoli suddetti, del titolo di specializzazione sul sostegno conseguito  ai  sensi  della  normativa vigente o di analogo titolo di specializzazione conseguito all’estero e riconosciuto in Italia ai sensi della normativa vigente.

Sono  ammessi  con  riserva  coloro  che,   avendo   conseguito all’estero i titoli di cui alle lettere a) e b) del comma 1 e di  cui al comma 2,  abbiano  comunque  presentato  la  relativa  domanda  di riconoscimento alla Direzione generale per gli ordinamenti scolastici

Non servono né i 24 CFU né i 36 mesi

N. B. Non sono richiesti i 24 CFU in discipline  antropo-psico-pedagogiche e nelle metodologie e tecnologie didattiche (richiesti solo ai laureati per l’accesso al concorso della secondaria), nè requisiti di servizio di insegnamento.

Il concorso è aperto a tutti coloro che sono in possesso del titolo di studio richiesto per l’accesso.

Possono partecipare anche i docenti di ruolo.

Preparazione al concorso nazionale Docente per la scuola primaria
Articolazione concorso

Il concorso si articola in:

  • eventuale prova pre-selettiva (qualora le domande di partecipazione siano superiori a quattro volte il numero dei posti)
  • prova scritta
  • prova orale
  • valutazione titoli

E’ possibile partecipare in un’unica regione per tutte le procedure per cui si ha titolo (max 4: infanzia, primaria, sostegno infanzia e sostegno primaria).

Preselettiva

L’eventuale prova preselettiva, questa sarà computer-based, unica per tutto il territorio nazionale.

Gli argomenti della prova preselettiva saranno:

  • capacità logiche,
  • comprensione del testo
  • conoscenza della normativa scolastica

All’interno del decreto non è specificato se sarà fornita una batteria di test da parte del Ministero per affrontare la prova. Sarà il bando a dare indicazioni su questo punto, anche se è molto probabile che sarà fornita una batteria dalla quale saranno selezionate le domande del test.

Preparazione concorso nazionale Docenti per la scuola dell'infanziaCosa studiare

Prova scritta posti comuni: cosa studiare

Prova scritta posti sostegno: cosa studiare

Prova orale e scritta: punteggi e programmi

Dove saranno banditi i concorsi

In sede di prima applicazione, leggiamo nel DM 327/2019, i concorsi sono banditi, ai sensi del comma 2, qualora le graduatorie di merito regionali dei concorsi espletati ai sensi dell’articolo l, comma 144, della legge 13 luglio 2015, n. 107, risultino esaurite o non sufficientemente capienti nei biennio di riferimento.

I concorsi, dunque, non saranno banditi in tutte le regioni, almeno in prima applicazione ossia per il primo dei concorsi che sarà bandito, ma soltanto in quelle regioni ove le graduatorie di merito 2016 risultino esaurite o con un numero di aspiranti non sufficiente a coprire il fabbisogno nel biennio di riferimento.

Idonei 2016

Ricordiamo che gli idonei del concorso 2016 possono essere assunti sino alla validità delle graduatorie di merito, mentre i vincitori mantengono il diritto all’immissione in ruolo.

La validità delle GM 2016 è stata prorogata di un anno, per cui saranno vigenti per 3 anni + 1. Alcune scadranno nel 2020, ma sono ancora piene di docenti idonei. Sono stati presentatati degli emendamenti al DL Concretezza per prorogare di uno o due anni le attuali graduatorie, in modo da fornire ancora prospettive di assunzione agli idonei.

La tabella titoli

Scarica la tabella

Per i titoli la commissione può attribuire al massimo 20 punti.

La tabella si suddivide in tre sezioni principali:

A) Punteggio per il titolo d’accesso alla procedura concorsuale;

B) Punteggio per i titoli culturali e professionali ulteriori rispetto al titolo d’accesso;

C) Pubblicazioni.

Qualora la valutazione dei titoli dovesse eccedere i 20 punti, la stessa è ricondotta entro tale limite (ossia 20 punti)

Graduatorie di merito

I candidati sono collocati in una graduatoria generale di merito distinta per ciascuna procedura concorsuale, sulla base del punteggio ottenuto nella prova scritta (valutabile al massimo 40 punti), nella prova orale (valutabile al massimo 40 punti) e nella valutazione dei titoli (al massimo 20 punti).

In graduatoria entrano i vincitori, ossia un numero di candidati pari a quello dei posti banditi, più il 10% di idonei, ossia coloro i quali superano tutte le prove ma non risultano vincitori.

Le graduatorie, costituite come detto sopra, sono approvate con decreto del dirigente preposto all’USR entro il 30 luglio di ciascun anno di riferimento

Le graduatorie, leggiamo nel decreto, sono utilizzate annualmente, nei limiti di cui all’art. 4, comma 1-quater lettera c) del decreto-legge, ai fini dell’immissione in ruolo per due turni di nomina, fermo restando il diritto al ruolo, in anni successivi, dei candidati dichiarati vincitori.

Come avverranno le immissioni in ruolo

Le immissioni avverranno per il 50% dalle GaE e per il 50% dalle graduatorie dei concorsi.

Per i concorsi:

a) con priorità da graduatoria di merito 2016 (limitatamente a coloro che hanno raggiunto il punteggio minimo previsto dal bando, sino al termine di validità delle graduatorie medesime, fermo restando il diritto all’immissione in ruolo per i vincitori del concorso);

b) 25% da graduatoria di merito concorso straordinario DDG n. 1456 del 7 novembre 2018

c) 25% graduatoria di merito concorso ordinario (ossia quello che si svolgerà).

Le prime assunzioni dalle graduatorie di merito del concorso ordinario avverranno dal 2020.

L’immissione in ruolo da una delle graduatorie di merito regionali comporta la decadenza dalle graduatorie a esaurimento.

Le commissioni

Requisiti presidenti, componenti e membri aggregati.

FONTE: https://www.orizzontescuola.it/concorso-infanzia-e-primaria-requisiti-posti-prove-tutte-le-info/

In questo articolo