Assegnazione provvisoria: non si può chiedere comune di titolarità neanche per altro grado di istruzione

121

L’assegnazione provvisoria si chiede nel comune di ricongiungimento familiare. Non si può chiedere il comune di titolarità neanche per altro grado di istruzione

Università
Università

Una lettrice ci scrive:

Potrei chiedere assegnazione provvisoria nel comune di titolarità (dove ho ottenuto il trasferimento alle medie), che non è però quello di residenza, in altra classe di concorso, in altro ordine di scuola (superiori) ?”

perfezionamenti
corsi di perfezionamenti annuali

L’assegnazione provvisoria si chiede nel comune di residenza del familiare verso il quale si chiede il ricongiungimento

Niente AP nel comune di titolarità, tranne il caso specifico indicato nel contratto

Non è consentito chiedere assegnazione provvisoria nel comune di titolarità ad eccezione del caso indicato nell’art.7 comma 1 del CCNI, che consente di farlo ai docenti beneficiari di una delle precedenze previste nell’art.8, per i comuni che comprendono più distretti sub-comunali.

L’articolo citato stabilisce infatti quanto segue:

Consegui 24 cfu
Consegui 24 cfu

“[….] L’assegnazione provvisoria non può essere richiesta all’interno del comune di titolarità, salvo nei casi di comuni con più distretti sub-comunali da coloro che si avvalgono di una delle precedenze secondo il successivo articolo 8 del presente contratto

Si può chiedere AP anche in altro grado di istruzione, ma non nel comune di titolarità

Il docente interessato  e con i requisiti e i titoli necessari, può chiedere assegnazione provvisoria anche per altro grado di istruzione. La richiesta sarà comunque aggiuntiva rispetto a quella relativa al grado di titolarità che deve essere prioritaria, come esplicitato nel comma 4 del succitato art.7:

L’assegnazione provvisoria, oltre che per il posto o classe di concorso di titolarità, può essere richiesta anche per altre classi di concorso o posti di grado diverso di istruzione per i quali si riscontri il possesso del titolo valido per la mobilità professionale come disciplinato dall’art. 4 del C.C.N.I. 6.3.2019, ovvero per altra tipologia di posto per il quale si possegga lo specifico titolo di specializzazione, fatto salvo il vincolo quinquennale di permanenza sul sostegno, su posti di tipo speciale o di indirizzo didattico differenziato. La richiesta di assegnazione provvisoria per altre classi di concorso o posti di grado diverso di istruzione o per altro tipo di posto è aggiuntiva rispetto a quella relativa al proprio posto o classe di concorso di titolarità[….]”

Sedi esami
sedi di esami

Per la richiesta in altro grado di istruzione devono essere rispettate le regole valide per l’assegnazione provvisoria nella classe di concorso e nel grado di istruzione di titolarità.

In assenza di precedenze, non è possibile chiedere AP in altro grado di istruzione nel comune di titolarità, neanche se il comune comprende più distretti sub-comunali.

Il fatto che si stia chiedendo un grado diverso da quello di titolarità, per il docente che non usufruisce di alcuna precedenza tra quelle previste nell’art.8,  non è una motivazione valida per aggirare il divieto a richiedere il movimento nel comune di titolarità, possibilità non contemplata, infatti, nel CCNI.

FONTE: https://www.orizzontescuola.it/assegnazione-provvisoria-non-si-puo-chiedere-comune-di-titolarita-neanche-per-altro-grado-di-istruzione/

In questo articolo