Assegnazione docenti ai plessi di altri comuni: si applica Contratto di Mobilità. Neodirigente condannata

268

Importante pronuncia del tribunale di Catanzaro – sez lavoro – che ha sancito il valore di norma imperativa dell’ art. 33 della legge 104/92 ed ha chiarito l’applicazione degli articolo 12 e 13 del CCNI sulla mobilità.

perfezionamenti
corsi di perfezionamenti annuali

La UIL SCUOLA Catanzaro nella persona del Segretario Generale prof.ssa Anna Melina e la UIL SCUOLA Regionale Calabria nella persona del Segretario Regionale prof. Paolo Pizzo comunicano che Il Tribunale di Catanzaro – Sez. Lavoro – nella persona del Giudice Dott. Francesco Aragona, su ricorso patrocinato dall’avvocato Giuseppe Baratta, proposto nell’interesse di una iscritta, ha emesso il data 06.12.2019 un importante provvedimento che scioglie ogni dubbio in relazione alla valenza dell’articolo 33 legge 104/92 e all’applicazione degli articoli 12 e 13 del CCNI sulla mobilità in presenza di precedenze.

La ricorrente insegnante in un Istituto Comprensivo del Basso Ionio Catanzarese pur essendo titolare di legge 104/92 (personale) con il nuovo anno scolastico (2019/2020) si era vista assegnata, dalla nuova Dirigente scolastica (di prima nomina), su tre plessi in tre comuni diversi a totale spregio di quanto previsto dall’art.33 legge 104/92 e in difformità di quanto successo nell’anno precedente.

Sedi esami
sedi di esami

Nonostante un primo tentativo di soluzione conciliativa, intrapreso dal sindacato di appartenenza (UIL SCUOLA CATANZARO – UIL SCUOLA CALABRIA ) per mezzo del legale avv. Giuseppe Baratta, la Dirigente restava ferma sulle proprie posizioni e pertanto alla ricorrente non restava che adire il Giudice del Lavoro con procedimento di urgenza ex art. 700 c.p.c.
L’ordinanza di pieno accoglimento evidenzia, infatti, come l’art. 33 della legge 104/92 debba considerarsi norma imperativa in quanto tendente a tutelare un bene della vita costituzionalmente rilevante “ Ed in effetti, a dispetto della paventata osservanza, da parte del MIUR, dell’art. 33 L. n. 104/92, sorprende che, nella odierna vicenda, il diritto alla salute dell’istante, di rango costituzionale e tutelato espressamente da una norma imperativa (appunto il citato art. 33 L. n. 104/92), sia stato subordinato alla regola del divieto di assegnazione di oltre tre plessi allo stesso docente, prevista da un mero decreto ministeriale. la violazione del diritto della ricorrente appare ancora più patente ove si consideri che la suddetta regola è stata tranquillamente elusa dallo stesso decreto MIUR di assegnazione dei docenti alle classi ed ai plessi che, per l’a.s. 2019/2020, ha assegnato le docenti “….” , anch’esse nell’organico di diritto dell’Istituto Comprensivo … , su quattro plessi di tale Istituto (cfr. all. n. 3 fascicolo attoreo): segno evidente che il divieto di attribuire allo stesso docente più di tre plessi non costituiva un serio ostacolo alla realizzazione del superiore diritto alla salute di parte attrice ”.

In merito alla applicazione degli art. 12 e 13 del CCNI il Giudicante evidenzia che “ Tale nuova cattedra con completamento esterno, come chiarisce l’art. 12, co. 18, CCNI 2016/17, deve essere assegnata ad uno dei docenti già titolari nella scuola ed in servizio su cattedra interna nel corrente anno scolastico e l’assegnazione, a carattere annuale, deve avvenire tenendo conto della graduatoria interna d’istituto. Quindi, l’attribuzione della COE ex-novo sarà determinata dalla posizione occupata dai docenti nella graduatoria interna e verrà assegnata al docente con punteggio inferiore. In particolare – per quanto più di interesse – potrà concorrere all’assegnazione di questa cattedra, se collocato in ultima posizione nella graduatoria interna, anche il docente beneficiario della legge 104/92, se la cattedra orario esterna è costituita tra scuole dello stesso comune. Il diritto all’esclusione per l’attribuzione della COE ex-novo, si applica, infatti, come esplicitato nell’art. 13, co. 3, lettera c), soltanto se si tratta di cattedra orario esterna costituita tra scuole ubicate in diversi comuni: “In riferimento a quanto previsto al precedente art. 12 comma 18, il diritto all’esclusione dei beneficiari delle precedenze di cui al comma 2 dalla graduatoria per l’attribuzione della cattedra orario esterna costituitasi ex novo, si applica esclusivamente per le cattedre orario costituite tra scuole di comuni diversi (o distretti sub comunali diversi)”.

La valenza di siffatta pronuncia per la UIL SCUOLA è importante su diversi aspetti:

Master per il completamento delle classi di concorso
Master per il completamento delle classi di concorso
  • in primis dimostra che la tutela del diritto alla salute e del diritto al lavoro sono beni costituzionalmente rilevanti e non possono essere limitati o esclusi;
  • in secondo luogo che le norme pattizie devono essere rispettate, e in questo caso il Contratto sottoscritto sulla mobilità chiarisce in pieno come devono essere assegnate le cattedre disposte su altri comuni di una stessa autonomia scolastica (anche nei casi di cattedre costituite ex novo) non lasciando spazi alla discrezionalità del dirigente scolastico.

Pertanto la UIL scuola, da sempre impegnato a promuovere, a tutti i livelli, la tutela dei lavoratori, soprattutto dei più deboli e indifesi, chiede ancora una volta la necessità di vigilare sulla corretta applicazione della legge da parte della Dirigenza Scolastica onde evitare discriminazioni e danni ai lavoratori.

FONTE: https://www.orizzontescuola.it/assegnazione-docenti-ai-plessi-di-altri-comuni-si-applica-contratto-di-mobilita-neodirigente-condannata/

In questo articolo