Roberto Speranza annuncia nuovo Dpcm: introduzione fascia bianca e stato di emergenza prorogato al 30 Aprile. Superiori in presenza dall’1 Febbraio?

176

Stamattina il Ministro della Salute Roberto Speranza ha comunicato alla Camera le misure che saranno contenute nel nuovo Dpcm in vigore dal 16 gennaio per fronteggiare l’emergenza covid.

Viene prorogato al 30 aprile lo stato di emergenza e viene applicato il divieto di asporto per bar e ristoranti dopo le 18:00, ma non di consegna a domicilio. Confermato il coprifuoco dalle 22 alle 5, così come confermata la chiusura dei centri commerciali nei weekend.
Saranno consentite le visite nel proprio comune a parenti e amici con limite di due persone non conviventi a partire dalla zona gialla.

Vengono confermate le tre fasce di rischio, rossa, arancione e gialla ma la novità è rappresentata dall’aggiunta di una quarta fascia, quella bianca, che si avrà con un Rt pari o inferiore a 0,50 e con incidenza sotto i 50 casi ogni 100mila abitanti.
In tale scenario bar e ristoranti sarebbero aperti senza limiti di orario, ci sarebbe la riapertura per palestre, cinema, teatri, musei e sale da concerto. Una fascia che ad oggi sembra essere più un obiettivo che una realtà, dato che nessuna regione ha un indice così basso.
Un’altra novità è rappresentata dall’ingresso in zona rossa, in cui si entrerà automaticamente se in una settimana ci saranno più di 250 contagi ogni 100.000 abitanti.

Sulla scuola non ci sono ancora dichiarazioni ufficiali e quindi sembra che le misure restino quelle attuali, sulla base della suddivisione in fasce. Secondo però Skytg24 ci sarebbe l’intenzione da parte del Governo di inserire nel decreto la possibilità che le scuole superiori tornino in classe tutte a partire dal 1° febbraio, evitando così la discrezionalità delle singole regioni.

“Non c’è altra strada che l’unità per affrontare l’emergenza più grave dal dopoguerra – ha dichiarato Speranza – Attenzione, il virus è tornato a circolare molto pericolosamente. Quando tutti i parametri peggiorano contemporaneamente abbiamo l’obbligo di prendere nuove misure e il governo ritiene inevitabile prorogare al 30 aprile lo stato di emergenza. Non abbiamo ancora vinto, facciamo molta attenzione ad interpretare in modo corretto questa fase delicata. Non dobbiamo farci alcuna illusione: i prossimi mesi saranno molto difficili. Nell’anno alle nostre spalle abbiamo imparato che i numeri sono come il barometro, anticipano una nuova tempesta”.

Roberto Speranza annuncia che sui vaccini “L’Italia è il primo Paese in Europa per somministrazione dei vaccini. L’obiettivo che perseguiamo è troppo importante per macchiarlo con le polemiche. Lasciamo fuori dalla politica la campagna di vaccinazione. Il successo di questa campagna non è il successo di una parte politica, ma il successo del Paese”.

 

Potrebbe interessarti anche: https://www.orizzontedocenti.it/2021/01/11/primo-anno-di-ministro-azzolina-cosa-di-positivo-e-negativo-e-stato-fatto/

 

I nostri corsi: https://www.orizzontedocenti.it/universita-telematica/

In questo articolo