Novità concorsi: decreto Brunetta e il punto della situazione

1392

master in project managementda infodocenti.it – Il decreto Brunetta sblocca i concorsi pubblici. Lo svolgimento dei concorsi sarebbe consentito in presenza a partire dal 3 maggio (nel rispetto delle linee guida del Comitato Tecnico Scientifico) . Vengono introdotte modalità semplificate. In una nota palazzo Chigi sottolinea: “prevede lo sblocco dei concorsi (circa 110mila posti) e introduce procedure concorsuali semplificate. Tra le principali novità si prevede una prova scritta e una prova orale nei soli concorsi per il reclutamento di personale non dirigenziale“.

Modalità di svolgimento

Nel testo provvisorio è possibile leggere quanto segue: “Al fine di ridurre i tempi di reclutamento del personale le amministrazioni , prevedono , le seguenti modalità semplificate di svolgimento delle prove, assicurandone comunque il profilo comparativo:

a) nei concorsi per il reclutamento di personale non dirigenziale, l’espletamento di una sola prova scritta e di una prova orale;

b) l’utilizzo di strumenti informatici e digitali e, in particolare, lo svolgimento in videoconferenza della prova orale, garantendo comunque l’adozione di soluzioni tecniche che ne assicurino la pubblicità, l’identificazione dei partecipanti, la sicurezza delle comunicazioni e la loro tracciabilità, nel rispetto della normativa in materia di protezione dei dati personali;

c) una fase di valutazione dei titoli e dell’esperienza professionale ai fini dell’ammissione alle successive fasi concorsuali; in tal caso, il relativo punteggio concorre alla formazione del punteggio finale”.

I concorsi nel mondo della scuola

Nel mondo della scuola sono in sospeso i concorsi ordinari mai espletati a causa dell’emergenza da Covid 19 . Naturalmente le modalità semplificate , previste dal sopracitato decreto , si applicano a tutti i concorsi scolastici. Lo stesso decreto prevede l’abolizione della prova preselettiva.preparazione testi medicina

I concorsi attualmente in sospeso sono:

  1. concorso ordinario secondaria primo e secondo grado per un totale di 33.000 posti

2. concorso ordinario per infanzia e primaria per un totale di 13.000 posti

3. VI ciclo TFA sostegno, per un totale di 6.200 posti.

Tempistiche

Per quanto riguarda le tempistiche si rimane in attesa della pubblicazione dei decreti attuativi. Rimane il nodo delle modalità di adozione , da parte del Ministero dell’Istruzione , del decreto Brunetta. I mesi di aprile e maggio saranno decisivi considerando la necessità di avere in cattedra i docenti dal primo settembre 2021.

Le polemiche sul provvedimento

Il Ministero dell’Istruzione dovrà esprimersi circa l’adozione dei provvedimenti contenuti del decreto Brunetta. Sull’eventuale abolizione della prova preselettiva Gianna Fregonara , dalle colonne del Corriere della Sera , ha dichiarato: “La parola fine non è ancora stata messa perché ci vorrà comunque un’ordinanza, i dettagli potrebbero ancora in parte cambiare, ma l’aver abolito la prova preselettiva per i concorsi con molti candidati – nel caso della scuola sono 500 mila gli iscritti al concorso per le superiori dove sono in palio 32 mila posti – sostituendola con una selezione su titoli e servizio rischia di tagliare fuori non dalla scuola ma dal concorso i più giovani”. 

clil e certifiacazione linguistica

 

In questo articolo