DDL Ronzulli: chi non si vaccina va sospeso dal ruolo, al suo posto un supplente

199

DDL Ronzulli: chi non si vaccina va sospeso dal ruolo, al suo posto un supplente.

Proprio in queste ore la cabina di regia del Governo è riunita per l’approvazione definitiva alle misure che regoleranno il green pass ed entro giovedì il Consiglio dei Ministri scioglierà i dubbi.

Quello che ci si chiede è se si discuterà anche dell’obbligo vaccinale per il personale scolastico. Stando alle parole del sottosegretario alla Salute Andrea Costa no: “Credo che il tema dell’obbligo di vaccinazione anti-Covid per gli insegnanti non sia all’ordine del prossimo Consiglio dei ministri. Vedo ancora troppe disomogeneità all’interno della maggioranza su questo punto – avrebbe detto – Almeno fino ad oggi siamo in una situazione in cui gli italiani si stanno vaccinando. E’ chiaro che l’obiettivo della scuola in presenza non può che passare dagli insegnanti vaccinati, ma credo che siamo ancora in una fase in cui abbiamo il tempo per poter fare un’opera di sensibilizzazione e far comprendere quanto sia importante che questa categoria si vaccini”.

E mentre il Governo è spaccato arriva il disegno di legge presentato ieri dalla senatrice di Forza Italia Licia Ronzulli, presidente della Commissione parlamentare per l’infanzia e l’adolescenza. Secondo il DDL Ronzulli andrebbero sospesi dalla loro attività tutti i docente o ATA che non si vogliono fare il vaccino e al loro posto andrebbero messi dei supplenti.
La senatrice ha spiegato le motivazioni della sua iniziativa parlamentare: “Docenti e personale scolastico in generale hanno una grande responsabilità, cioè avere cura dei nostri figli. I ragazzi hanno diritto di andare a scuola in presenza e in sicurezza e questa sicurezza non ci può essere senza il vaccino. E’ vero che la stragrande maggioranza degli insegnanti si è vaccinata, ma qualcuno si è rifiutato. Spero che il governo recepisca presto questa proposta, proprio come accaduto con l’obbligo vaccinale per il personale sanitario”.

Quella di far subentrare i precari al posto dei docenti e Ata non vaccinati, tuttavia, sarebbe un’operazione costosissima: supponendo di sostituire gli 200 mila docenti e Ata che non hanno fatto nemmeno una dose per meno di un anno scolastico, ciò comporterebbe un aggravio di spesa di una cifra vicina ai 20 mila euro per ciascuno. Complessivamente, si arriverebbe a 4 miliardi di euro di spesa.

 

 

 

 

Potrebbe interessarti anche: https://www.orizzontedocenti.it/2021/07/07/vaccino-terza-dose-per-i-docenti-gia-da-dicembre/

 

 

 

Laurea telematica? un vantaggio sceglierla!
Guarda i nostri corsi di laurea magistrale: https://www.orizzontedocenti.it/universita-telematica-laurea-magistrale/

 

 

 

 

Fonte: https://www.tecnicadellascuola.it/

 

In questo articolo