Al via il IV ciclo del TFA sostegno

183

Pubblicato il decreto che regolamenta il corso di specializzazione

È stato pubblicato il Decreto Ministeriale 92 dell’8 febbraio 2019che regolamenta il IV ciclo del TFA sostegno.
Numero e distribuzione dei posti nei diversi atenei saranno resi noti con un successivo decreto.

requisiti di accesso per la scuola primaria e dell’infanziasono la laurea in Scienze della formazione primaria e il diploma magistrale conseguito entro l’anno scolastico 2001/2002 (compresa anche la sperimentazione ad indirizzo psicopedagogico e quella ad indirizzo linguistico).

Per la scuola secondaria di primo e secondo grado i requisiti sono l’abilitazione all’insegnamento, oppure la laurea prevista per l’accesso alla classe di concorso più i 24 CFU nelle discipline socio-psico-antropologiche e metodologie e tecnologie didattiche. In via transitoria, è consentita la partecipazione a chi possiede il titolo di accesso valido per la classe di concorso e il profilo di ITP più tre anni di servizio nelle ultime otto annualità.

La prova di accesso è predisposta da ciascuna università e si articola in:

  • un test preliminare;
  • una o più prove scritte ovvero pratiche;
  • una prova orale.

Il test preliminare è costituito da 60 quesiti formulati con cinque opzioni di risposta, fra le quali il candidato ne deve individuare una soltanto. Almeno 20 dei predetti quesiti sono volti a verificare le competenze linguistiche e la comprensione dei testi in lingua italiana.

Se i posti messi a bando presso un ateneo saranno superiori rispetto ai candidati collocati in posizione utile sarà possibile integrare le graduatorie con candidati che hanno partecipato alle prove presso altri atenei e non sono rientrati per carenza di posti. Chiaramente la misura riguarderà solo coloro che ne faranno richiesta.

Come FLC CGIL accogliamo con favore l’avvio del percorso di formazione per il sostegno, vista la forte carenza di docenti specializzati. Positivo anche il fatto che il Ministero dell’Istruzione abbia recepito le osservazioni del CSPI in merito ai requisiti di accesso, con particolare riferimento ai docenti non abilitati con tre anni di servizio. Nutriamo invece forti perplessità sui costi del TFA, che come nei precedenti cicli potrebbero raggiungere cifre molto esose e riteniamo che il contingente di posti di autorizzati dovrebbe andare ben oltre i 14.000 posti annunciati dal Ministro Bussetti.

 

In questo articolo